Percorsi di sostenibilità SAT 2021

Persone, ambiente, economia

Sfoglia la pubblicazione

Nelle pagine che seguono raccontiamo di come la SAT contribuisce a generare valore per la comunità.
Persone, ambiente, economia si incrociano e tracciano percorsi che rendono sostenibili le nostre azioni.
Questo è il primo passo di un percorso per una stima dell’impatto del “Mondo SAT” che coinvolge più di 30.000 persone tra soci, partner, enti e aziende.
Una pubblicazione rivolta a tutti, in pieno spirito di condivisione e partecipazione, per garantire un impegno all’insegna dei valori che ci accompagnano da ormai 150 anni: promozione dell’alpinismo, tutela dell’ambiente, solidarietà sociale.

I significati e le ragioni del nostro cammino verso un Bilancio di Sostenibilità:

  • Rendere conto ai soci dell’insieme delle attività svolte, attività che a differenza di quello che succede nelle imprese non vengono rappresentate in modo esaustivo dal bilancio.
  • Rappresentare, nella maniera più completa possibile, alla comunità trentina ed alle sue istituzioni quanto effettivamente fatto.
  • Acquisire esperienza in vista della prossima entrata in vigore dell’obbligo, per associazioni quali la SAT, della redazione del bilancio sociale.
Conoscere la SAT
Sostenibilità sociale
Sostenibilità ambientale
Sostenibilità economica e istituzionale
> Valori di sempre, guida del domani

La SAT, Società degli Alpinisti Tridentini, è la più grande Sezione del Club Alpino Italiano e conta sul territorio Trentino circa 26.850 soci.
La SAT viene fondata nel 1872 a Madonna di Campiglio ispirandosi a tre valori guida che risultano estremamente moderni e attuali.
Da sempre i valori fondanti della SAT sono:
• Promozione dell’alpinismo
• Tutela ambientale
• Solidarietà sociale


> La SAT
  • Cariche e organi
  • Organizzazione e Sede
    Per realizzare i propri compiti istituzionali la Giunta può avvalersi del Direttore degli Uffici dell’Organizza- zione Centrale al quale vengono conferite deleghe e assegnate funzioni specifiche. A capo della struttura organizzativa è posta la figura del Direttore.
  • Le Commissioni SAT
    La SAT è organizzata in Commissioni: costituite da volontari esperti nei diversi ambiti, sono organi tecnici e consultivi. Le Commissioni promuovono la conoscenza e la cultu- ra della montagna e forniscono alla SAT, ai soci e alla collettività contenuti e consulen- ze specialistiche. Le Commissioni sono istituite dal Consiglio, sono dotate di autonomia organizzativa e gestionale, ma non possono impegnare in alcun modo la SAT nei con- fronti di terzi o dei soci, perché restano sottoposte al controllo del Consiglio Centrale.
  • Le Sezioni SAT
    Le Sezioni SAT sono distribuite capillarmente su tutto il territorio del Trentino. Ogni Sezione è organizzata in una Assemblea dei soci che nomina il Consiglio direttivo composto da Presidente, Vicepresidente, Segretario, Cassiere e altri membri. Ogni Sezione nomina inoltre i Revisori dei conti e i Delegati che partecipano all’Assemblea generale, il cui numero dipende dal numero dei soci della Sezione stessa (1 delegato ogni 100 soci). Ogni Sezione gode di autonomia, di libertà di iniziativa e di azione in conformità alle norme statutarie generali. Della Sezione “Coro della SAT” fanno parte i soli coristi in attività. Le Sezioni SUSAT e SOSAT, mantengono, per tradizione storica, la loro denominazione iniziale.

> Patrimonio d’alta quota 

Il patrimonio SAT è costituito dal compendio immobiliare, dal fondo patrimoniale di garanzia, dalle riserve, dagli utili di gestione e da qualsiasi altro bene o somma che pervenga a qualunque titolo per il raggiungimento degli scopi statutari.
Il patrimonio immobiliare è così costituito:


> 5.500 km di sentieri in Trentino, ovvero la distanza da qui al K2

La SAT mantiene costantemente in salute una rete di 5.500 km di sentieri in Trenti- no. Una lunghezza che in linea d’aria potrebbe portare da Trento fino alla cima del K2. Il lavoro volontario dei Soci SAT, gestito dalle Sezioni locali, permette di mantenere puliti e percorribili i sentieri. La SAT ha inoltre realizzato e reso pubblico un portale interattivo, consultabile da pc e da smartphone, che riporta sentieri, rifugi, bivacchi, e punti di interesse in un’unica mappa.
Puoi consultare il portale accedendo alla “Mappa Sentieri SAT”.


> Network e collaborazioni

La SAT è da sempre viva e attiva sul territorio: promuove idee, tesse relazioni e costrui- sce progetti con uno spirito aperto e una forte vocazione alla collaborazione. La SAT interagisce con persone, istituzioni, enti, associazioni e ne facilita l’incontro e le allean- ze costruttive. Condividere intenti, obiettivi e valori è il primo passo, agire d’accordo e sostenere insieme le iniziative comuni significa avere risultati migliori e gettare le basi per un futuro sempre più condiviso e armonico.
Consulta l’elenco della rete di collaborazioni della SAT


> Partner SAT

La SAT guarda al futuro e si apre alla collaborazione e alla condivisione di progetti con nuovi partner: quattro importanti realtà trentine, tutte con un forte senso di apparte- nenza al territorio. È un passo importante ed un forte segnale di apertura, che permet- terà di costruire nuovi percorsi di sostenibilità, iniziative di valorizzazione della cultura della montagna e opportunità di comunicazione e di sviluppo. Le aziende con cui SAT ha deciso di collaborare attivamente condividono la visione e l’attenzione agli aspetti sociali e ambientali: costruire un’alleanza con loro significa sì un importante supporto economi- co, ma anche testimoniare l’impegno per i valori e l’idea di futuro che SAT rappresenta.
Scopri i partner della SAT

> Verso una stima del valore del lavoro volontario e dei benefici che questo genera per la comunità

Il volontariato è un pilastro importante della nostra società perché genera benefici complessivi:

  • svolge un insostituibile ruolo sociale grazie alla partecipazione e all’impegno diretto dei cittadini in molti campi di attività.
  • consente di ottenere beni e servizi senza costi o con costi ridotti.
  • ha una essenziale funzione di tutela del plurali- smo e della democrazia.

Non è un’impresa facile stimare il costo che sarebbe necessario sostenere per ottenere gli stessi risultati che vengono prodotti dall’impegno volontario dei soci della SAT. Così come non è facile cercare di quantificare i benefici che il loro impegno genera per la comunità. Nel Bilancio sociale sono state considerate le seguenti voci:

> Sentieri: costo equivalente e benefici

Il mantenimento di una vasta rete di sentieri rappresenta uno degli aspetti più noti dell’attività della SAT. Di seguito, per tale attività cui partecipano sia gli organismi centrali sia le Sezioni, viene presentata:
• Una quantificazione del costo equivalente del lavoro volontario
• Una stima del valore dei benefici prodotti per gli utilizzatori dei sentieri

> Organi centrali e commissioni: costo equivalente e benefici

Organismi centrali e commissioni sono indispensabili per il funzionamento della SAT. Nel Bilancio sociale vengono presentati:
• Quantificazione del costo equivalente del lavoro volontario degli organismi centrali (consiglio e varie commissioni esclusa commissioni sentieri)
• Quantificazione dell’utilità prodotta per gli utilizzatori finali del lavoro volontario di alcune commissioni

> Sezioni: benefici generati per gli utenti finali

Le Sezioni rappresentano la spina dorsale della SAT e la loro meritoria attività viene spesso sottovalutata. Nel Bilancio sociale viene presentata una stima dell’utilità prodotta per gli utilizzatori finali dal lavoro volontario a tale livello (con esclusione attività sentieri). Valutazione che dovrà essere completata in futuro con indagini più approfondite.

> Rifugi: dove le persone si incontrano

L’ospitalità in quota ha un sapore più intenso. I Rifugi SAT sono luogo di incontro, accoglienza, solidarietà. Ogni anno si registrano circa 50.000 pernottamenti nella nostra rete Rifugi: persone e storie che si incrociano, unite da valori comuni come la passione per la montagna e il rispetto per il territorio.

> Biblioteca SAT: una tra le principali strutture europee dedicate alla montagna

La Biblioteca della Montagna-SAT, inaugurata nel 1991 sulla base della storica biblioteca del sodalizio attiva fin dal 1880, è aperta e accessibile a tutti, al secondo piano della Casa della SAT, in via Manci a Trento.

> Pubblicazioni SAT: la vetta più alta è la cultura

Da sempre la SAT è protagonista e promotrice di una produzione editoriale che spazia dalla conoscenza del contesto alpino alla tutela dell’ambiente, dalla moderna concezione delle Dolomiti ai manuali per una corretta gestione delle vie attrezzate. Ecco elencata tutta la produzione editoriale SAT 2011-2020.
Bollettino SAT: il periodico della SAT
Pubblicazioni della Commissione Sentieri della SAT

> Custodire la storia, costruire il futuro

I valori di tutela e rispetto del territorio passano soprattutto attraverso la formazione e sensibilizzazione dei più giovani: la Commissione “Scuola e formazione” realizza percorsi che coinvolgono aziende, docenti,studenti e istituti scolastici.

> La montagna fa star bene e crea comunità inclusive

Il gruppo di lavoro Montagna per tutti promuove iniziative per rendere accessibile a tutti la montagna, organizzando attività di socializzazione per persone diversamente abili. Un approccio semplice e sincero che scardina i confini e promuove il benessere di persone, famiglie, comunità.

> La tutela dell’ambiente naturale: nel cuore SAT da 150 anni

La SAT è stata fondata a Madonna di Campiglio nel 1872, quale strumento di unione tra l’esplorazione scientifica e sportiva dei monti e l’antica cultura delle valli ed ha sempre svolto il ruolo di custode delle tradizioni e della cultura del Trentino. SAT ha espressamente inserito nel suo Statuto la tutela dell’ambiente naturale fin dal primo giorno della sua fondazione. Questo impegno ha attraversato tutta la storia della SAT. È degli anni ‘60 l’istituzione di una “commissione pro natura”, antesignana dell’attuale Commissione Tutela Ambiente Montano, che si espresse con forza contro l’infrastrutturazione di alcune zone di eccezionale bellezza e pregio naturalistico. Questo impegno è stato ribadito e rafforzato, in anni più vicini, dalle Tesi di Moena approvate dal congresso nel 2007, riviste e aggiornate nel 2017, e ripreso nel congresso di otto- bre 2019, al termine di un processo partecipato con i soci, che ha visto porre in primo piano il valore dell’ambiente e la necessità della sua tutela.

In virtù di questo impegno, che è anche dovere, la SAT si interessa delle tematiche relative alla difesa del territorio e dell’ambiente, nella convinzione che tutto il Trentino è connotato da straordinari e unici ambienti naturali e storici.


> La SAT è divulgazione e corretta informazione in tema ambientale.

Fin dalla fondazione la SAT ha a cuore la tutela dell’ambiente. I temi ambientali sono trasversali a tutte le attività SAT, perché la montagna e la sua natura sono il fulcro comune ai diversi ambiti di azione: Soci, Sezioni, Organi Centrali e Commissioni portano la sensibilità ambientale dall’organizzazione di escur- sioni tematiche alla ricerca scientifica, dal monitoraggio dei ghiacciai alla comunicazione sui canali social, dagli interventi nelle scuole al presidio del territorio.

SAT sa che accrescere la conoscenza e divulgare facendo informazione corretta è la prima e più importante forma di tutela. Per questo c’è il forte impegno ad accrescere la cultura ambientale e si lavora nell’ottica della conservazione attiva organizzando corsi, conferenze e iniziative capillari sul territorio, in collaborazione con enti pubblici, aziende, università, istituzioni museali e parchi naturali.


> L’impegno interno all’organizzazione SAT per ridurre l’impatto ambientale

L’attività di informazione, formazione e sensibilizzazione sugli impatti ambientali, ha portato negli anni ad una grande attenzione delle Sezioni e dei soci nell’organizzazione delle proprie attività.

Prima della pandemia era stato avviato un gruppo di lavoro partecipato da Università (Ingegneria Ambientale), enti pubblici di raccolta e trattamento rifiuti, gestori di rifugi, per studiare forme e modalità di riduzione dell’uso della plastica; campagna di sensibilizzazione sull’uso parsimonioso dell’acqua nei rifugi. La forzata sospensione delle attività del 2020 non ha portato alla sospensione del progetto, che è ripreso con rinnovate prospettive nel 2021.


> 1% For The Planet: un progetto globale per l’impegno nella salvaguardia ambientale

Da fine 2020 la SAT, a seguito di un accordo collaborazione pluriennale con La Sportiva, partecipa ed è riconosciuta nel progetto globale di conservazione dell’ambiente che va sotto il nome di 1% For the Planet.


> Le Sezioni SAT: sentinelle per la tutela e lo sviluppo dell’ambiente locale

Il lavoro svolto in campo ambientale e di conservazione attiva porta la cittadinanza in genere, e la compagine sociale in particolare, a essere attenta ad ogni evento o progettazione infrastrutturale locale. Le Sezioni SAT sono quindi il primo presidio sul territorio e svolgono un importante ruolo di ascolto, osservazione e presidio.

Ieri, oggi, domani: la solidità SAT per guardare insieme al futuro

Per illustrare i diversi modi con cui la SAT interpreta il proprio contributo alla sostenibilità riteniamo opportuno introdurre alcune riflessioni che orientano all’attività futura. La sostenibilità, intesa come un insieme di azioni in grado di durare nel tempo, non si raggiunge una volta per tutte. È un percorso che assomiglia a un sentiero di montagna. Va affrontato con passo adeguato, sapendo che a volte bisogna scendere prima di risalire, che in alcuni casi è necessario tornare indietro per poter proseguire; un lungo sentiero che si snoda a volte come semplice traccia in un paesaggio poco conosciuto e con sorprese quasi ad ogni momento.

Vuoi ricevere una copia cartacea del Bilancio di sostenibilità? Contattaci!

Se vuoi ricevere una copia cartacea del Bilancio di Sostenibilità della SAT invia una email all’ufficio comunicazione della SAT: silvia.pezzetti@sat.tn.it