Acquisizioni

Le acquisizioni avvengono attraverso vari canali: librerie generaliste, librerie specializzate e librerie antiquarie, anche se gran parte dei circa 1.000 nuovi ingressi annui proviene dal Fondo Film Festival.
Per quanto concerne i periodici la collezione consta di 555 testate (circa 20.000 volumi), delle quali 499 spente, per queste la politica delle acquisizioni prevede il completamento delle principali testate, con particolare attenzione a quelle che si riferiscono al territorio regionale e dolomitico in particolare. Le 56 testate correnti vengono acquisite in abbonamento (30), omaggio (20) e scambio (6). L’obiettivo principale per i periodici correnti è di incrementare il numero degli scambi relativamente alle testate già possedute, allargando anche alla fascia delle, non molte, testate non possedute. I periodici sono conservati in una sala interamente dedicata ad essi e suddivisi in: periodici d’interesse locale, geografico-scientifici, alpinistici (italiani e stranieri), alpinistici in lingua tedesca, periodici editi dal CAI e dalla SAT.
Per quanto riguarda le monografie grazie al Fondo Film Festival vengono acquisite le principali novità editoriali europee e del Nordamerica, mentre risultano un po' carenti le altre zone geografiche. Per queste ultime si cerca regolarmente di supplire tramite acquisizioni almeno delle novità principali. In particolare vengono acquisiti tutti i nuovi documenti relativi all’area dolomitica, cercando anche di incrementare la collezione di documenti fuori catalogo o “antichi” attraverso l’acquisto sul mercato dell’antiquariato librario. A tal fine la Provincia autonoma di Trento, riconoscendo la biblioteca quale riferimento per le Dolomiti-bene UNESCO sulla base di una convenzione stipulata con l’ente proprietario, eroga annualmente un finanziamento.
Per quanto riguarda il materiale cartografico gli aggiornamenti avvengono tramite il dono da parte di buona parte delle case editrici.
Gli audiovisivi, le registrazioni sonore e le risorse elettroniche vengono acquisite tramite il Fondo Film Festival e attraverso acquisto. In questo campo stante una distribuzione di difficile accesso non sempre si riesce a trovare documenti disponibili. Infine, per quanto riguarda le pellicole (in vari formati), riguardanti principalmente il “film di famiglia”, esse vengono donate dai legittimi proprietari e la biblioteca si impegna nella restituzione tramite il tele cinema (v. progetto ArViMonT).

Meteo
Previsione attuale
Le nostre attività
Le sezioni

Seleziona la sezione

Vai alla Sezione
I nostri rifugi

Seleziona il rifugio/bivacco

Vai al rifugio
I nostri sentieri
Spazio Alpino
Biblioteca